19 gennaio 2017

BOBBIO – I MISTERI DI VILLA CARENZI


di Paolo Panni






Questo è uno di quei casi in cui storia e dicerie popolari cozzano fortemente tra loro; per questo rispetto a quanto di misterioso viene raccontato la nostra associazione non può che assumere, una volta di più, un atteggiamento di estrema prudenza, se non addirittura di scetticismo.

La vicenda è di quelle da film horror ma è lecito supporre che stavolta la fantasia di alcune persone abbia “lavorato” parecchio. Anche se, di fronte alle testimonianze, va detto, occorre sempre mantenere una certa attenzione.


Il luogo in questione è Villa Carenzi, o meglio quello che rimane di questa struttura nata in epoca fascista (e del fascismo si notano in modo marcato le architetture), situata a Piancasale, piccola borgata a due passi da Bobbio e dal fiume Trebbia. 



Inaugurata nel 1937 funzionò diversi anni come colonia elioterapica fluviale. In pratica, qui, come in altri luoghi simili, durante le vacanze estive venivano inviati i bambini permettendo loro di respirare aria buona. Tra l’altro questa specifica struttura, sorta nell’area delle Terme di Sant’Ambrogio, aveva lo scopo di sfruttare le sorgenti termali saline della zona. 

Da tempo il luogo, che versa in condizioni di assoluta fatiscenza e degrado, è meta di curiosi, di appassionati e cultori del paranormale e di “ghost hunters” più o meno improvvisati a causa di quanto viene tramandato a carico di questo ameno luogo. 

Si dice infatti che, durante il secondo conflitto bellico, la struttura sia stata colpita da un bombardamento e che nell’incendio conseguente persero la vita, arsi vivi, quasi tutti i bambini che vi erano ospitati. Una vicenda, se realmente accaduta, assolutamente agghiacciante. Ma, va detto, né sul web né tantomeno tra gli storici della zona si trova la benché minima conferma di questo ipotetico bombardamento. Se questo fosse accaduto i giornali dell’epoca ne avrebbero parlato e nelle cronache di storia locale senz’altro avrebbe trovato ampio spazio. E’ noto a tutti, infatti, che laddove vi sono stati bombardamenti, ovunque, questi sono passati alla storia. Il fatto che non vi sia alcuna documentazione che confermi il bombardamento né tantomeno la morte di bambini, ci lascia quantomeno supporre che quanto viene riportato sia solo frutto di dicerie. 

Tuttavia restano interessanti le testimonianze che, da tempo, si susseguono a carico di questo luogo. Una di queste è riferita ad un gruppo di ragazzi che, ormai diversi decenni fa, vi entrarono riferendo di essere stati colti da un freddo tanto intenso quanto repentino che li portò ad allontanarsi in pochi istanti. Un lasso di tempo tuttavia sufficiente per notare strani ed inquietanti disegni alle pareti. In particolare uno di questi disegni, stando a quanto riportato, raffigurava una persona crocefissa con la testa di un gallo, circondata da bambini impegnati a fare il girotondo. In quell’occasione vennero anche realizzate delle foto, di cui non è stato possibile trovare traccia. Si dice che le immagini uscirono tutte mosse, sfocate o sbiadite. 


Celebre è poi un altro fatto. Da tempo si dice infatti che quando si posteggia l’auto nei pressi delle rovine della colonia in occasione di serate umide e fredde, i vetri dei veicoli si appannano e vi compaiono le forme di piccole mani da bambini. Così come c’è chi riferisce di aver sentito urla strazianti di bambini provenire dall’interno della struttura. 


Realtà o fantasia? Immaginazione o davvero qualcosa di strano o di inspiegabile coinvolge il luogo? Difficile, come sempre, poter dare una risposta: per questo, va ribadito, si mantiene un atteggiamento di prudenza e, non lo nascondiamo, di scetticismo. Tuttavia sarebbe interessante raccogliere eventuali testimonianze, documentazioni o immagini da parte di chi fosse stato al centro di episodi particolari avvenuti nel luogo. 

Emilia Misteriosa è stata sul posto, in un pomeriggio d’estate e, va detto, non è accaduto nulla di particolare anche se una breve visita di una mezza giornata non può essere sufficiente per trarre conclusioni che sarebbero, comunque, affrettate. 

Da aggiungere che la villa è ormai “divorata” dai rovi e dalla boscaglia ed è in condizioni di assoluta fatiscenza. Quindi, per evidenti motivi di sicurezza, si consiglia a tutti di non avvicinarsi alla struttura, mantenendosi a distanza. 




FONTI BIBLIOGRAFICHE E SITOGRAFICHE



P.Cerri, G.Dadati, B.Tagliaferri- “Piacenza Misteriosa, guida ai castelli infestati, alle vicende inspiegabili e agli altri enigmi del territorio”- Edizioni Officine Gutenberg, 2015

Arzyncampo.altervista.org







FONTI FOTOGRAFICHE: Le immagini sono di proprietà dell’autore e dell’associazione Emilia Misteriosa. Per un loro utilizzo è sufficiente indicare la fonte. La foto d’epoca di Villa Carenzi è tratta dal sito ilnotiziariobobbiese.net


Si prega di indicare eventuali copyright al fine di una loro cancellazione o modifica

Nessun commento:

Posta un commento